Brevi cenni

Quella di ‘ristorante italiano’ è una nozione globale. Tuttavia, nei ristoranti italiani, declinati a livello locale in tutto il mondo,  la dialettica della globalizzazione e localizzazione è molto chiara. Questo blog scientifico collaborativo mira a promuovere lo scambio interdisciplinare tra i ricercatori interessati a esplorare, da diversi punti di vista, i fenomeni locali/globali legati al concetto di ‘ristorante italiano’, nellesue variazioni regionali.
Nella nostra ipotesi, le lunghe radici di questo modello sono nelle complesse interazioni tra  pratiche globali e locali nei flussi incrociati delle diaspore italiane e del turismo in Italia. Nei processi legati a questi due flussi, infatti, le arti della vernacolari della cucina sono state alla base di importanti forme di valorizzazione economica e culturale della cultura materiale italiana e delle sue pratiche del quotidiano.

Mentre nel corso dei processi della turisticizzazione dell’Italia, gli italiani si sono scoperti come interessanti ‘soggetti esotici’ per i turisti, nelle località della diaspora molti di loro sono stati in grado di fornire – congiuntamente al cibo – un po ‘di esotismo alle popolazioni ospitanti. Ovviamente, queste considerazioni devono essere attentamente modulare storicamente. In realtà, i ristoranti italiani nati durante le prime migrazioni verso il U.S.A., sono stati principalmente un’importante forma di organizzazione sociale delle persone immigrate. All’interno delle Little Italy, gli immigrati hanno creato le società del Nuovo Mondo e, in quelle enclave, i ristoranti hanno contribuito ad alimentare l’emergente cultura etnica italo-americana .
In ogni caso, nel ristorante italiano, diverse forme di conoscenza tacita (M. Polanyi), diverse arti del quotidiano (De Certeau) – forme di conoscenza comune, legata ai corpi e alla sensorialità (sapori, gusti, tattica si sente, suoni, ritmi) , di solito  diffuse in modo orizzontale, familiarmente, reticolarmente, praticamente – si sono trasformate in fattori di vantaggio competitivo in diversi tipi di mercati.

Nel nostro clima di scontri di civiltà e di e attriti tra le persone (Appadurai), la categoria globale di ristorante italiano ha evidentemente a che vedere con la tensione dialettica con l’altro: evoca altri luoghi, altri tempi, altri popoli. I ristoranti che si connotano intenzionalmente come italiani sono quindi là dove le differenze di cultura appaiono chiaro e definito, e cioè: a) nei luoghi destinazione della diaspora; b) nelle mete turistiche. Nel primo caso possiamo parlare propriamente di ‘ristorante italiano’. Nel secondo caso sarebbe più corretto parlare di ‘ristorante tipico’.
In ogni caso, entrambi questi due tipi di ristorante, con i prodotti regionali e la cucina tipica, vengono offerti  – ma a diversi tipi di clienti – due diversi tipi di esperienza. Per i migranti italiani e, in Italia, a coloro che si sentono ‘persi nella globalizzazione’, è un’esperienza identitaria del ‘tornare a casa’. In questo caso, l’enfasi è sui temi della memoria (vecchio, tradizionale, tipico), che finiscono per sfociare in diverse ‘tradizioni inventate’ (Hobsbawm e Ranger). Per i ‘non italiani’, sia nelle destinazioni turistiche sia nei paesi d’origine, il ristorante italiano rappresenta, invece, un’esperienza esotica.
In entrambi i casi, comunque,la tipicità del ristorante è in gran parte plasmato sui (presunti) stereotipi culturali dei clienti. Fonda, quindi, generalmente sull’immaginario sociale, sulla letteratura e, soprattutto, sui media. I messaggi dei media, infatti, sono globali, ma anche elaborati e adattati – nel quotidiano – a diverse culture ,da moltissime persone. Così, attraverso i continenti, i messaggi mediali sono continuamente ri-codificati e ri-valorizzati attraverso significati culturali locali, divenendo facilmente in grado di fornire quadri di riconoscimento etnici agli avventori.

Dalla parte dei ristoratori, le conscie e/o inconscie pratiche di auto-etnicizzazione c sono generalmente associati con i temi della tradizioni, con  l’eredità che si trasmette di generazione in generazione (la cucina casalinga, le ricette della mamma, la cucina regionale), ma anche alla più note mete turistiche evocati dalle insegne ‘(Capri, Grotta Azzurra, Roma, ecc,) e, infine, al cinema, agli attori e alle immagini e alle star dei media che decorano le pareti della sala.
In realtà, la sala ristorante è uno spazio performativo, in cui interior design, arredamento, illuminazione, musica devono organizzare una cornice adeguata dove ristoratori, camerieri e clienti, giocano il loro ruolo nello stesso ‘gioco’. La tipicità del ristorante, infatti, è soprattutto fondata nell’interazione simbolica ricorsiva tra i clienti e il personale del ristorante, attraverso le tipiche dinamiche di scena e retroscena(Goffman).
Tuttavia,  nella costruzione cooperativa e interattivo di questo spazio scenico, il tema più importante è quello della verità. Tutto e tutti, in questo scena fictionale, devono assicurare di essere veri, originali, genuini, autentici.

Tutto quello che abbiamo detto finora riguarda le somiglianze che permettono di individuare una nozione di ‘ristorante italiano’. Ma i ristoranti italiani in tutto il mondo, e in Italia, naturalmente, sono molto diversi tra loro, perché sono nati e cresciuti a livello locale e / o regionale, durante processi e pratiche messe in atto da ristoratori e avventori, dei durante flussi culturali e movimenti transnazionali non lineari.

In conclusione, questo blog ha lo scopo di mettere a fuoco la nozione globale/ locale di ‘ristorante italiano’ e di osservare sul campo le sue varianti regionali e transnazionali, in Italia, Europa e Americhe.
Il blog inizia coinvolge sei ricercatori, lavorando in diverse istituzioni accademiche, e ora sul campo in Italia, Germania e Brasile. Nella nostra intenzione, è uno spazio di co-working multidisciplinare / interdisciplinare. Si tratta di uno spazio, e un mezzo, di presentare, valorizzare e condividere le attività di ricerca di ricercatori e gruppi di lavoro spazialmente distribuiti. Uno spazio, e un mezzo di condivisione di note di campo, bozze di risultati, case history, storie di vita, e materiali di ricerca diversi, come foto, interviste, immagini, video, articoli, bibliografie, ecc,
Qui speriamo di impostare il tema di ricerca, condividere osservazioni sul campo e discutere idee e ipotesi, operare approfondimenti critici utili a chiarire, e forse a riconfigurare, i modelli di analisi dei flussi culturali nei flussi  di mobilità transnazionali.
Questo blog è un invito ai metodi di collaborazione di lavoro scientifico. Ma è anche un invito a unirsi a noi per tutti i ricercatori, e le istituzioni scientifiche interessati a esplorare le problematiche legate al nostro tema.
Siamo fiduciosi in un modo di costruire la scienza in cui molti soggetti – ricercatori, università e centri di ricerca – possono lavorano insieme in un ambiente collaborativo, unendo risorse, materiali, idee e capacità intellettuali.
Il blog è CC BY.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.